Home Comunità Famba Famba, i segreti del Sudafrica a misura d’italiano

Famba Famba, i segreti del Sudafrica a misura d’italiano

208
0
Famba Famba

In sostegno delle eccellenze Made in Italy in Sudafrica, La Voce ha incontrato il giovane fondatore di Famba Famba Valentino Meirotti e la specialista di tour guidati Gemma Campodonico.

Famba Famba, un tour operator italiano in Sudafrica

Parte con tante novità e appuntamenti da non perdere la stagione turistica in Sudafrica, scossa da mesi di lockdown ma pronta a riportare visitatori locali e internazionali alla scoperta di una delle destinazioni più amate dai viaggiatori di tutto il mondo.

Famba Famba (letteralmente “Si parte!” in lingua tsonga) organizza tour di qualità a misura di viaggiatore, iniziative di turismo sostenibile e funzioni aziendali.

Viaggiare sicuri

È sicuro viaggiare durante la pandemia? Meirotti non ha dubbi: “L’industria del turismo sudafricana è pronta da mesi. Abbiamo messo in atto misure protettive e certificati sanitari. Il vantaggio dei nostri tour è che non viaggiamo in gruppo.

Portiamo i nostri clienti all’esplorazione del Sudafrica, in destinazioni private e spesso in mezzo alla natura incontaminata. È più sicura una visita al Kruger o nelle Winelands che un pomeriggio al centro commerciale!”

Una vita dedicata al turismo

Figlio di un migrante italiano e una donna sudafricana, Meirotti conosce le destinazioni più segrete del Paese: “mio padre organizzava tour di caccia, sono cresciuto esplorando parchi e riserve. Per dare vita a Famba Famba, mi è bastato trasformare il fucile in una macchina fotografica e la caccia in iniziative di conservazione”.

Sostegno alla lotta contro il bracconaggio e tutela delle popolazioni locali arricchiscono infatti il portfolio dell’agenzia, che organizza anche tour guidati durante operazioni di dehorning e pattuglia.

Campodonico è invece cresciuta a Welkom, dove ha imparato le tradizioni degli italo-sudafricani. “Anche se il mio interesse è sempre stato rivolto alle scienze ambientali, l’ospitalità è nel mio sangue”, spiega. “Quando organizzo tour per clienti italiani, so che cosa vogliono e come farli sentire a casa anche nel mezzo della natura più selvaggia”.

Italiani in viaggio

“Agli italiani piace esplorare per conto proprio”, continua Meirotti. “Quando viaggio con turisti italiani, parlando italiano o qualche parola di dialetto, divento parte della famiglia e vado all’avventura con loro. Ritocchiamo l’itinerario e scopriamo ogni volta qualcosa di nuovo e genuino”.

Ma più di ogni altra cosa, agli italiani piace mangiar bene. “C’è chi vuole mangiare carne tutti i giorni, e chi mi implora per un piatto di pasta al dente. Alberghi e ristoranti di tutto il Sudafrica ormai mi conoscono per le richieste più stravaganti a tavola!”

In Sudafrica con Famba Famba

Turisti locali e internazionali possono organizzare un viaggio con Famba Famba al sito www.famba-famba.com. Lodge a misura di viaggiatore e boutique hotels a Johannesburg e Città del Capo sono il campo base per avventure in tutta l’Africa Meridionale.

Tra gli itinerari più gettonati, ci sono parchi naturali, tour enogastronomici, viste mozzafiato sulle Cascate Vittoria e il suggestivo Kruger Shalati, un antico treno che collegava Pretoria e Maputo negli anni ’20, ora trasformato in un lodge di lusso sul fiume Sabie nel Kruger Park.

Infine, i residenti sudafricani possono avventurarsi nelle provincie meno esplorate con gli special primaverili di Famba Famba o organizzare funzioni aziendali in compagnia di ranger e volontari anti bracconaggio.

Pronti? Si parte!

Rispondi