Home Focus Viaggio nell’arte: il neoclassico reinterpreta l’arte greco-romana

Viaggio nell’arte: il neoclassico reinterpreta l’arte greco-romana

13
0
Neoclassico
Antonio Canova, Amore e Psiche, Parigi

Prosegue l’inserto de La Voce dedicato alla storia dell’arte. Pittore e amante delle arti visive, Piero Cioni ci guida attraverso la storia delle correnti artistiche europee, e non solo, a cavallo di millenni di evoluzione di cultura e società. In questo capitolo del viaggio nell’arte riscopriremo l’arte greco-romana, reinterpretata dal Neoclassico.

Dal frivolo Rococò al severo Neoclassico

Il Rococò ha avuto la sua storia. Dalla maggioranza degli artisti dell’epoca fu considerato frivolo quindi doveva essere abbandonato e rimpiazzato con uno stile serio e nuovo con riferimento ai temi greci e romani.

Nasce così il Neoclassico. L’ideologia greca e romana era stata la ragione della grandezza dei due imperi e ritorna nella mente degli artisti e viene considerata come esempio da seguire e imitare. Si tende così a dare un messaggio chiaro e severo attraverso una disciplina artistica scaturita dalla antica Grecia e Roma.

La riscoperta della mitologia

Si raffigurano così scene storiche dove con estrema chiarezza si evidenzia l’eroismo dei nostri avi come esempio da seguire. Sotto l’influenza di letteratura e filosofia, il neoclassico dà un impulso di grande rilievo nell’arte visiva. Apparentemente non può sembrare, ma nel confronto con i grandi artisti precedenti il cambiamento è enorme. Si passa infatti da un’ideologia religiosa fondata sulla fede ad una ideologia logica con grande conoscenza storica.

Nel neoclassico l’artista non è più solo capace di dipingere un quadro, ma si trasforma in intellettuale e saggio, capace di dare un messaggio chiaro e onesto. Il componimento ed il colore si basano sulla conoscenza e capacità cognitiva dell’artista.

Artisti, filosofi e umanisti

Col neoclassico nasce insomma un’arte dove domina la moralità. Si raccontano storie dove fa eco la dignità umana, dove l’erudito artista esprime il massimo livello di capacità. Con il neoclassico, l’arte raggiunge l’apice sia nella qualità che nella consapevolezza dell’arte stessa. Siamo sulla rampa che porterà all’arte moderna. Nonostante i molti cambiamenti che avverranno, il neoclassico ne sarà effettivamente l’ispirazione.

Piero Cioni

Rispondi