Home Comunità Il Sindaco Thebolla commemora i prigionieri di guerra italiani

Il Sindaco Thebolla commemora i prigionieri di guerra italiani

41
0
27 ottobre 2019: Commemorazione dei POW a Pietermaritzburg.

Il Sindaco di Msunduzi Mzimkhulu Thebolla ha parlato in occasione della commemorazione dei prigionieri di guerra italiani alla ‘chiesetta’ di Pietermaritzburg domenica 27 ottobre.

Per vedere tutte le fotografie, accedere alla Gallery.

La cerimonia ricorda annualmente i prigionieri deportati nella cittadina del KwaZulu-Natal durante la Seconda Guerra Mondiale. La commemorazione avviene in un luogo suggestivo, il giardino della chiesetta costruita dai prigionieri stessi oltre settant’anni fa.

L’omaggio del Sindaco Thebolla

il Sindaco Thebolla ha ricordato il sacrificio dei giovani soldati che combatterono durante la Seconda Guerra Mondiale. Inoltre, Thebolla ha trasmesso un messaggio di riconoscenza del Premier del KZN Sihle Zikalala verso tutti i prigionieri che hanno contribuito alla costruzione di strutture e infrastrutture in Sudafrica.

Al discorso del Sindaco Thebolla sono seguiti gli interventi del Vice Presidente POW Trust Franco Muraro, del Presidente POW Trust Emilio Coccia e del Console Onorario d’Italia a Durban, Costantino Bucimazza.

Il tributo di italiani e sudafricani

Infine, la celebrazione della Santa Messa ha preceduto la benedizione delle 35 tombe che compongono il memoriale dei caduti italiani a Pietermaritzburg.

I rappresentanti delle forze armate e della comunità italo-sudafricana hanno deposto corone di fiori a nome di svariate istituzioni e associazioni. Tra queste il Consolato Generale d’Italia a Johannesburg, dell’Ufficio dell’Addetto alla Difesa della Repubblica Italiana, delle Autorità provinciali e municipali, delle Forze armate, delle Associazioni di ex combattenti e della Comunità italiana.

Le vittime della Nova Scotia

Tra i caduti sepolti alla ‘chiesetta’ di Pietermaritzburg ci sono anche alcune delle vittime dell’affondo della Nova Scotia nel 1942. La nave, che trasportava 765 prigionieri italiani provenienti da Massawa, fu colpita per errore da un sottomarino tedesco.

Rispondi