Home Ambasciata d'Italia a Pretoria Lo zighinì asmarino fa il pienone alla Dante

Lo zighinì asmarino fa il pienone alla Dante

67
0
Zighinì alla Dante Alighieri
Gli asmarini di Johannesburg.

Una deliziosa combinazione di piatti italiani ed eritrei ha accompagnato la festa del Circolo Italiano Africa Orientale (CIAO) di Johannesburg domenica 25 agosto. Assaporando zighinì, injera, polenta e lasagne i soci del CIAO e della Dante Alighieri hanno potuto inoltre approfondire la storia degli italiani in Africa orientale, uno dei capitoli più interessanti e meno noti della Storia del nostro Paese.

Per vedere tutte le fotografie, accedere alla Gallery.

La Storia coloniale italiana

La presenza italiana in Africa orientale risale alla fine dell’800, quando il Governo italiano acquisì la Somalia e l’Eritrea. I destini dello ‘stivale’ e del corno d’Africa s’intrecciano a cavallo del XIX e XX secolo, per culminare nell’istituzione dell’Africa Orientale Italiana da parte del regime fascista negli anni ’30. Asmara, in Eritrea, era il centro del piccolo impero coloniale italiano. Qui si contavano quasi 50mila italiani negli anni ’30 e ’40.

Negli anni successivi alla Guerra d’Africa e al termine della Seconda Guerra Mondiale, l’Impero britannico prese possesso dei domini coloniali italiani, indebolendo la presenza di famiglie ed imprese provenienti dall’Italia. In aggiunta, numerosi atti terroristici scacciarono una grossa parte degli ex coloni. Infine, la Guerra d’indipendenza eritrea iniziata nel 1961 costrinse la maggior parte degli italo-asmarini alla fuga. Tra gli esuli di Asmara, molti trovarono rifugio in Sudafrica. I loro discendenti custodiscono oggi le pagine di una Storia travagliata che trascende schieramenti politici ed elude la storiografia ufficiale.

La memoria di una migrazione continentale

L’Ambasciatore d’Italia a Pretoria Paolo Cuculi ha reso omaggio agli esuli di Asmara e ai loro discendenti a Johannesburg. Assieme a lui, l’Ambasciatrice e le figlie, il Vicario d’Ambasciata Mirta Gentile e il Console Generale Marco Petacco.

L’asmarino Vincenzo Micali ha parlato in rappresentanza dei soci del CIAO, presentando un video informativo proposto dalla famiglia Gnudi. Tra gli altri presenti, c’erano anche il vice-presidente del Com.It.Es. Giorgio Devalle, il presidente onorario della Dante Alighieri di Johannesburg Gaetano Giudice, assieme alle insegnanti e al comitato della Dante.

Rispondi