Home Comunità Giona Tuccini è il primo ‘babbo’ adottivo single in Italia

Giona Tuccini è il primo ‘babbo’ adottivo single in Italia

34
0
Giona Tuccini con i figli Achille e Dario.
Giona Tuccini con i figli Achille e Dario.

Giona Tuccini, docente di italianistica della University of Cape Town, è papà adottivo dal 2011. Oggi l’adozione dei suoi figli Achille e Dario, di 8 e 5 anni, è stata riconosciuta anche in Italia, dal tribunale dei Minori di Roma. Nato a Pisa, il professor Tuccini è un amico della comunità italo-sudafricana e un attivo promotore di lingua e cultura in tricolore nel Western Cape e nel Gauteng.

Adozioni in Italia

Se la legge sudafricana permette l’adozione monoparentale, in Italia non è permesso a un genitore single di prendere dei bambini in adozione. Nel caso di Tuccini, il tribunale dei Minori ha scelto di fare eccezione, per tutelare il “superiore interesse” dei bambini. “Sono il primo babbo single riconosciuto in Italia ad aver adottato due bambini non fratelli biologici”, ha spiegato in un’intervista al Corriere della Sera. “Non avevo bisogno di una nuova certificazione di padre, ma ne sono felice, soprattutto per i miei figli che si sentono anche italiani, se pur con due nazionalità. Credo che sia stata una vittoria del buonsenso e della dignità umana”.

Fratelli inseparabili

Achille e Dario, entrambi orfani alla nascita, non sono fratelli biologici. “Sono bravissimi, si vogliono un sacco di bene”, spiega Tuccini.“Crescono sereni, hanno tutto l’amore di cui hanno bisogno e io mi sento un padre molto appagato”.
Secondo Giona Tuccini, il Sudafrica è un Paese molto aperto alle diversità dove si può crescere senza affrontare pregiudizi: “A scuola i miei figli hanno compagni con famiglie di ogni tipo: eterosessuali, omosessuali, single formate da una sola madre o da un solo padre, allargate e multirazziali. Mai si sono sentiti diversi anche perché in Sudafrica la diversità è quotidianità. E ora sono contento che per loro non sia un problema anche in Italia dove noi andiamo spesso a trovare i nonni e gli amici”.

Rispondi