Home Comunità Senatore Nicola Carè: “Italiani all’estero una risorsa preziosa”

Senatore Nicola Carè: “Italiani all’estero una risorsa preziosa”

4
0

Pubblichiamo in estratto la Newsletter dell’Onorevole Nicola Carè agli italiani della Ripartizione IV (Africa, Asia, Oceania e Antartide).

Il trimestre appena trascorso è stato denso di impegni e scadenze politiche, con particolare attenzione alla necessità di una legge di bilancio equa e sostenibile, che veicolasse all’attenzione di un pubblico vasto i diritti degli Italiani residenti all’estero, tra le principali forze economiche e culturali del nostro Paese.

Il 7 Novembre 2018, Deputati e Senatori in carica per le Circoscrizioni Estere hanno redatto un comunicato stampa indirizzato al Governo, contro i tagli agli investimenti ad essi destinati e la riduzione del numero dei loro rappresentanti eletti in Parlamento: questi programmi sarebbero una grossa ferita per la rappresentanza democratica. Ancora una volta, si contesta: – una regressione nella riforma costituzionale; – una chiusura totale alle proposte in bilancio per le politiche degli italiani all’estero; – misure punitive verso la stampa in italiano. L’interpretazione autentica verso una riduzione del numero dei senatori e dei deputati , passando dagli attuali 18 (12 alla Camera e 6 al Senato) a 12 (8 + 4) è stata e sarà il fulcro del mio mandato parlamentare: una diminuzione della rappresentanza è, oggi più che mai, un pericolo da evitare.

Sono, al contrario, propenso ad una più incisiva e numerosa presenza, per la stessa difesa del diritto di cittadinanza. Il rapporto di rappresentanza tra cittadini ed eletti è stato, in proporzione, sempre molto più basso per gli italiani residenti all’estero e oggi lo è ancora di più, visto il forte aumento che continua a manifestarsi degli iscritti all’AIRE e, di conseguenza, dell’elenco degli elettori: inaccettabile pertanto la decurtazione di un terzo dei mandati. L’intenzione governativa di abolire anche il sostegno pubblico all’editoria in lingua Italiana è condannata in modo assoluto. I nostri connazionali all’estero sono numerosi: i soli appartenenti all’AIRE sono oltre cinque milioni. La carta stampata riceve solo 30 centesimi di euro all’anno per ogni iscritto. I giornali sono una fonte di informazione essenziale, contribuendo a rinnovare l’appartenenza alla grande Comunità che promuove sistema Paese.

Nelle ultime elezioni, ad ogni deputato, in Italia corrispondevano mediamente 96.000 abitanti, all’estero 400.000, 4 volte di più; per ogni senatore corrispondevano in Italia 192.000 abitanti, all’estero 800.000’.È urgente attuare la proposta legislativa di una Commissione Parlamentare sull’Emigrazione e la Mobilità degli Italiani nel mondo, dedicata al nostro fenomeno migratorio. Inoltre, quale membro permanente della IV Commissione Difesa della Camera dei Deputati sono garante delle attività legate alla sicurezza del Paese: a tutela delle industrie che, rivestono oggi, una posizione leader nel settore aerospaziale. Pertanto, in collaborazione con il collega Alberto Pagani, nel novembre 2018, abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare al Presidente del Consiglio Conte ed al Ministro della Difesa Trenta, per il buon funzionamento dell’Agenzia Aerospaziale Italiana.

Inoltre, in IV Commissione Difesa, ho discusso la mia accurata relazione concernente le Missioni Internazionali: 35, in 22 stati e in tre differenti continenti (Europa, Asia ed Africa). A tal proposito, la legge di bilancio ignora il doveroso stanziamento di risorse aggiuntive per il Fondo Africa: l’autonomia del continente può avvenire con successo soltanto con attività mirate e aiuti economici validi. L’Agenzia per la cooperazione e lo sviluppo è, credo, la base per combattere e vincere povertà e isolamento: essa richiede fondi e liquidità. Il 2018 è stato un anno di consolidamento e perfezionamento del nostro impegno militare e civile su più fronti: basilare in Africa la presenza diplomatica, con la riattivazione dell’ambasciata libica ed l’apertura in Niger, Guinea e Burkina Faso. Le Rappresentanze Diplomatiche sono cruciali per l’assistenza ai nostri connazionali lì residenti. L’Africa è la casa di tantissimi che lavorano e prosperano nelle sue regioni: stabilizzare i territori in guerra o con problematiche ha funzione di crescita e garanzia per chi esporta capitali e crea ricchezze. Il continente africano è, con le sue inestimabili potenzialità economiche e umane, una opportunità di crescita per l’Europa e per l’Italia, terzo maggiore investitore con 11,6 miliardi di dollari e aziende prestigiose a livello internazionale.

[…]

La Indo-Italian Chamber of Commerce ha creato una prestigiosa iniziativa dal nome Minerva, in onore della Dea romana della Sapienza, presentata con successo a Delhi (India) al Tech Summit Italia-India. Un centro di alta formazione e di vocational training a Mumbai (India) che ha ottenuto l’entusiastica risposta di numerose università italiane, tra cui l’Istituto S. Anna di Pisa e l’Accademia Costume Moda di Roma, creando un dinamico scambio di idee e competenze, offrendo ai nostri studenti la possibilità di affacciarsi all’economia indiana, sempre più in crescita nel quadro internazionale, contribuendo a formarli professionalmente e ad inserirli nel mondo del lavoro.

Le Camere di Commercio Italiane rivestono un ruolo essenziale di promozione delle nostre competenze e professionalità. L’Italian Chamber of Commerce and Industries ha conferito il Marchio Ospitalità Italiana per l’anno 2019 a 48 Ristoranti Italiani nel Mondo. Ospitalità Italiana è una importante certificazione conseguita dalle nostre eccellenze nel settore ricettivo e ristorativo di alta qualità a livello internazionale. L’impegno politico è scandito non solo da attività istituzionali: la passione politica si trasmette anche attraverso la memoria delle nostre radici, una cultura di rispetto verso la diversità.

Rispondi